“I BUONI LETTORI FANNO I BUONI GIORNALI” Antonio Mascolo inaugura la rassegna INCONTRO ALLA CULTURA

Il 5 febbraio alle 18.00, presso la Biblioteca Sociale “Roberta Venturini”, si è svolta l’inaugurazione del ciclo di rassegne “Incontro alla cultura” dell’Associazione Intesa San Martino.

Scopo degli eventi è riscoprire il mondo del giornalismo, della stampa e dell’informazione attraverso i principali attori del mestiere. L’evento è stato inaugurato da Antonio Mascolo, giornalista fondatore di Repubblica.Parma.it –  il primo giornale web di un grande editore con una redazione locale – di cui ne è rimasto a capo fino a gennaio 2017, scrittore e fotografo, autore del volume fotografico “Oltre il torrente Parma” e moderato dalla giovane e brava giornalista Yara Al Zaitr di Parmateneo.

“La mia passione per il giornalismo è nata dalle prime cose che mi sono capitate – spiega Mascolo – Ho avuto la fortuna di stare in una scuola straordinaria, ovvero la Gazzetta di Parma di Baldassarre Molossi, dove ho cominciato a parlare delle cose che conoscevo, dal rugby al teatro. Avevo 20 anni quando Molossi mi assunse, insieme ad altri tre ragazzi, ed ebbi il compito di parlare della città attraverso i miei occhi. Credo poi che la curiosità sia un fattore innato, non può essere insegnata, ed è per questo che io e il mio fotografo andavamo in giro a caccia di storie”.

Tra i vari argomenti toccati dall’ospite vi è il binomio giornale – lettore:Io credo che i buoni lettori fanno buoni giornali, se ci si lamenta del giornale ci si lamenta del lettore. Non penso che tutto questo calo sia dovuto alla nascita del web, perché io ho trovato storie interessanti anche su internet, ci sono poi strumenti sicuramente più efficaci rispetto a quelli del passato, ma oggi vedo che siamo tutti caduti nell’esotismo: è molto più facile raccontare eventi che avvengono in Sud America che eventi che avvengono qui in Italia. Sono sicuro ci siano tante storie da raccontare, ma per questo occorre umiltà, ascolto, professionalità nel pubblicarle ma soprattutto nel reperirle, cosa che oggi è molto più ardua. Ma questo vale per qualsiasi attività. Il vero problema è che oggi vengono date per scontate troppe cose”. 

Per spiegare questo concetto Antonio Mascolo offre ai presenti una piccola storia che rende bene il ruolo del giornalista da lui inteso, riferendosi a un clochard racconta: “Quando lo vidi mi sedetti a fianco a lui e gli chiesi le cose che amava. Durante la conversazione, durata circa 10 minuti, mi resi conto che ciò che mi disse era da raccontare, tant’è che gli chiesi se potevo fargli un foto e lui acconsentì. Quando tornai da lui a consegnargli il libro, gli chiesi cosa ne pensasse e lui mi disse che non si sentiva per niente ridicolizzato. Questo è un modo corretto per dare informazioni, bisogna dare un volto alle storie“.

Il ciclo di eventi si svolgerà ogni martedì del mese di febbraio e vedrà la presenza dei seguenti ospiti:

– 12/02 Maurizio Chierici

– 19/02 Gabriele Balestrazzi

– 26/02 Filiberto Molossi

Ogni evento è gratuito e aperto a tutti e si svolgerà alle ore 18.00 presso la Biblioteca Sociale ‘Roberta Venturini’ in Via Venezia 123 – Parma